• Sara D'Alessio

È caos sull’abolizione del numero chiuso per studiare Medicina.

Il governo raddrizza il tiro e si corregge dopo l'errore nella nota del Cmd che parlava di abolizione del numero chiuso, il governo ha specificato che è solo un“Obiettivo politico di medio periodo". Il ministro dell'Istruzione precisa: "Stiamo lavorando a un percorso graduale per allargare il numero degli ammessi"


“Voglio essere sincero, a me non risulta questa cosa. Farò le dovute verifiche ma non mi risulta nulla di simile". L'ha detto il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti commentando a margine di una conferenza stampa la notizia secondo la quale nel corso del Consiglio dei ministri di ieri sera sarebbe stato abolito il numero chiuso per la facoltà di Medicina. "Stiamo lavorando - ha poi aggiunto - per allargare il numero degli ammessi: sarà un percorso graduale, ma si farà".


In una nota di palazzo Chigi si può leggere che: “In merito al superamento del numero chiuso per l'accesso alla facoltà di Medicina, la presidenza del Consiglio precisa che si tratta di un obiettivo politico di medio periodo per il quale si avvierà un confronto tecnico con i ministeri competenti e la Conferenza dei Rettori delle università italiane, che potrà prevedere un percorso graduale di aumento dei posti disponibili, fino al superamento del numero chiuso".


"I Ministri Bussetti e Grillo hanno chiesto in sede di Consiglio dei Ministri di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per medicina". In una nota ufficiale congiunta i due ministri correggono il tiro sul testo diffuso dopo il Cdm di ieri che indicava l'abolizione del numero chiuso. "E' un auspicio condiviso da tutte le forze di maggioranza che il Governo intende onorare - si legge poi - Si tratta chiaramente di un percorso da iniziare già quest'anno per gradi. Per assicurare l'aumento dei posti disponibili e avviare un percorso condiviso, a breve sarà convocata una prima riunione con tutti i soggetti interessati a cominciare dalla Crui".


Dell'abolizione del numero chiuso se n'era parlato, ma non era stato annunciato come un provvedimento imminente addirittura inserito nella manovra economica del governo. E invece ieri al termine del Consiglio dei Ministri che ha varato il decreto fiscale e disegno di legge sul bilancio di previsione dello Stato per il 2019 ecco che è spuntata anche questa misura: "Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi", è scritto nel testo. Una scelta che dovrebbe riguardare migliaia di studenti che, finora, hanno dovuto cimentarsi con un test (molto contestato) per accedere alle facoltà di Medicina di tutta Italia. Il numero chiuso  ha sempre suscitato molte polemiche tra i fautori - in genere rettori universitari - e contestatori, soprattutto in questo caso famiglie e associazioni degli studenti che spesso hanno denunciato un eccesso di difficoltà e l'inadeguatezza dei quiz.


Per fornire un esempio in termini di cifre, quest'anno gli aspiranti camici bianchi sono stati 66.907 (erano 62.695 nel 2016) e i posti disponibili a Medicina e Odontoiatria circa diecimila: praticamente solo uno su 7 ce l’ha fatta. 


#Bussetti #MIUR #Università #Istruzione #Medicina #TestdIngresso #NumeroChiuso #Odontoiatria

4 visualizzazioni
Logo-Raduni-04-1.png
logo a colori.png
Spreaker-Logo.png
  • Spotify Social Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Facebook Icon

Licenza SIAE n 5019 / I / 4680

Licenza SCF n 1629/15

Foro competente: Bologna

Emittente affiliata a RadUni

 «Questa emittente riconosce il valore del diritto d’autore a sostegno della creatività e della cultura. I compensi sono il salario degli autori e servono anche per promuovere e finanziare opere nuove e nuovi talenti».